Il biologico italiano in movimento
Home » Eventi e Formazione » FederBio al SANA » SANA 2011

FederBio a SANA 2011, 23° Salone Internazionale del Biologico e del Naturale


Bologna,  8-11 settembre 2011

 


Qualità, professionalità e internazionalità sono state le linee guida che hanno caratterizzato l'edizione 2011 del SANA, la storica manifestazione del biologico italiano, organizzata da BolognaFiere in collaborazione con FederBio, che quest’anno come scelta strategica ha scommesso sulla formula della fiera per operatori professionali, limitata al biologico rigorosamente certificato sia nel settore alimentazione che in quello salute e benessere.

 

 

In occasione della 23° edizione di SANA, FederBio, nell’ambito del progetto INFORMA – BIO finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole, ha presentato una serie di iniziative con l’obiettivo di trasmettere la conoscenza del comparto, del ruolo della Federazione e delle sue Sezioni Soci per uno sviluppo sempre più concreto e sano del settore.Workshop, microeventi, incontri con la stampa e degustazioni sono state le principali attività che hanno animato l’area espositiva di FederBio per promuovere la conoscenza e la diffusione della cultura e del prodotto da agricoltura biologica.

 

In particolare, le Sezioni Soci hanno approfondito alcuni temi attuali o portanti, dalla certificazione all’acquacoltura, dai servizi per i produttori bio alla sfida ai cambiamenti climatici, per contribuire alla divulgazione della conoscenza del bio Made in Italy e delle sue preziose caratteristiche sia all’interno del settore che verso l’esterno, per raggiungere i consumatori, gli addetti interessati al tema del bio e i soggetti intenzionati allo sviluppo di attività di impresa nel settore.

 

A chiusura dell'evento fieristico il Presidente Paolo Carnemolla ha commentato: "La collaborazione tra FederBio e Bologna Fiere ha permesso di creare a SANA 2011 molte opportunità per gli operatori biologici italiani, che hanno potuto confrontarsi, incontrare target in linea con le loro esigenze e pianificare nuove azioni per il futuro. Ora è necessario offrire al comparto nuovi servizi di preparazione all'appuntamento fieristico, che offrano opportunità durante tutto l'anno, come progetti di internazionalizzazione per promuovere il bio Made in Italy all’estero, dove è già molto apprezzato. L'esperienza di FederBio è un punto di riferimento: la nostra collaborazione con Bologna Fiere può essere rafforzata in questa direzione per far fare al biologico italiano un vero e proprio salto di qualità".