Il biologico italiano in movimento
Home » Eventi e Formazione » Parco della biodiversità - Expo 2015 » Agricoltura bio e biodiversità

Agricoltura bio e biodiversità


 

L’agricoltura biologica svolge un compito molto importante nella conservazione e nella implementazione della biodiversità e delle caratteristiche ambientali.
 
Il concetto di biodiversità è, infatti, parte integrante della definizione stessa di agricoltura biologica:

«La produzione biologica è un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali e una produzione confacente alle preferenze di taluni consumatori per prodotti ottenuti con sostanze e procedimenti naturali»

In agricoltura biologica ogni organismo vivente viene tenuto in considerazione, dal più piccolo microorganismo che vive nella terra all’albero più imponente. Per questa ragione, ogni anello della filiera di produzione è studiato per mantenere e, dove è possibile, per accrescere la diversità animale e vegetale.

Il legame virtuoso tra agricoltura biologica e biodiversità è supportato da una serie di evidenze scientifiche, che dimostrano come l’applicazione corretta del metodo di conduzione biologica determina un maggiore tasso di biodiversità applicata ai suoi tre livelli di studio: diversità genetica, di specie ed ecosistemica.

Il mantenimento e la valorizzazione dell’agrobiodiversità, sia tra i principi dell’IFOAM che nei regolamenti comunitari di settore, sono considerati uno degli obiettivi prioritari da raggiungere attraverso i metodi di agricoltura biologica, i quali promuovono le rotazioni colturali per un uso efficiente delle risorse locali, le consociazioni, il divieto dell’uso dei pesticidi e dei fertilizzanti sintetici e di organismi geneticamente modificati (OGM), la fertilità del suolo e la scelta di piante ed animali che resistono alle malattie e si adattano alle condizioni del luogo. 

Il passaggio da un sistema agricolo convenzionale ad uno biologico, di conseguenza, può contribuire in modo sostanziale al recupero e alla conservazione della biodiversità selvatica e rurale.

L'agricoltura biologica, quindi, grazie alle sue caratteristiche e alle regolamentazioni a cui è sottoposta, risponde in pieno al tema di EXPO "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita", garantendo tutela dell'ambiente, della biodiversità e del benessere dell'uomo. L'agricoltura bio è dunque l'agricoltura del futuro, in grado di nutrire il nostro Pianeta.